La qualità del Su Misura della Sartoria di Milano Acquadimare

Camicie

Sartoria di Milano Acquadimare: il valore del prodotto. Servizio e qualità per tradizione al giusto prezzo.

Camicie su misura

Le nostre camicie su misura

La camicia è più che mai un segno distintivo della personalità, della classe e dello stile di ciascuno. Le nostre camicie, così come i nostri abiti, sono italiane al 100%. I tessuti dei migliori cotonifici italiani come Albini, Monti, Canclini consentono un’ampia scelta: dalle tinte unite, in tutte le sfumature, alle fantasie più creative e attuali, sempre nel rispetto della migliore qualità.

È innanzitutto fondamentale che all’abito giusto corrisponda la giusta camicia, complemento indispensabile che deve essere adatto a ogni circostanza. Discreta o “chiassosa”, candida o colorata, a righe sottili o a quadri scozzesi, in lino purissimo o in morbido popeline, la camicia parla di noi e ci identifica per quello che siamo. Indossare la camicia giusta può decretare la buona riuscita di un incontro, perché i dettagli sono importanti. Chi, indossando una camicia, è sicuro di sé e sta bene con se stesso, riflette la propria personalità in ogni occasione, dal meeting di alta finanza a una cerimonia importante a un incontro informale tra amici e colleghi. Quanto comunichiamo verbalmente trova riscontro nel nostro modo di essere: possiamo infatti esprimere, anche attraverso tessuti, colori e fogge, la nostra individualità.

Si potrebbe aprire un dibattito sulla camicia e ci sarebbe da parlarne per ore; ogni singolo dettaglio – dal monogramma alle tasche, dall’abbottonatura al taschino, dalle stecche al carré, dal cannoncino agli occhielli e ai bottoni, solo per citarne alcuni – richiede un approfondimento.
Indossare una camicia deve essere un vero piacere

La camicia deve essere innanzitutto comoda: un colletto che consenta di far scivolare un dito quando è abbottonato è essenziale per essere a proprio agio, i polsini non devono essere larghi intorno al polso, le maniche devono essere lunghe abbastanza da consentirci di alzare le braccia fino all’altezza della spalla. Il giro manica non deve andare oltre la fine della spalla.

Morbidezza al tatto, resistenza, compattezza del tessuto sono solo alcuni dei requisiti dei tessuti che scegliamo per confezionare la nostra camicia.

Tecnica sartoriale

Le nostre camicie sono realizzate in tessuti di pregio di lino e cotone, nelle fantasie più attuali, sempre nel rispetto della tradizione. Dopo la rilevazione delle misure e la scelta del tessuto, la camicia è realizzata con tecnica sartoriale e artigianale.
Il costo di queste camicie su misura va dai 110 ai 130 euro.

Fatte a mano

Così come avviene per gli abiti, chi lo desidera può scegliere di farsi confezionare una vera camicia napoletana, tagliata e cucita interamente a mano da artigiani nella città di Napoli. Il processo della lavorazione prevede, dopo la rilevazione delle misure, la realizzazione di un “telino prova”, con l’obiettivo di perfezionare al massimo la linea desiderata. Tutte le rifiniture, dalle asole all’attaccatura dei bottoni, alle iniziali sono effettuate completamente a mano. Il costo – estremamente competitivo – va dai 220 ai 250 euro.

Fin dal secolo scorso, le camicie della scuola Napoletana, eseguite a mano da mastri camiciai, sono tra le più ambite e prestigiose al mondo. Uno dei dettagli distintivi di questi capi s’identifica con l’attaccatura delle maniche che si adattano perfettamente alle diverse conformazioni, grazie alle caratteristiche pieghe all’altezza della spalla, garanzia di morbidezza e vestibilità.

… Nella tradizione napoletana si parla dei “Canonici Otto”, termine che – benché possa rievocare improbabili band ecclesiastiche di otto improvvisati organisti – indica l’usuale numero di passaggi che una camicia “interamente ribattuta a mano” dovrebbe avere. Questi sono giromanica, bottoni, asola, mouche (triangolo di tessuto alla base della cucitura dei fianchi), collo, travetto (punto dato a mano per funzioni estetiche o per rinforzare una parte di camicia), carré e cannoncino (la cucitura verticale di fianco ai bottoni). Tra questi otto, i fondamentali, per la loro funzionalità, sono solo i primi due: il giromanica, che dà maggiore elasticità al tessuto nella parte della camicia più soggetta a frizione, ed il bottone, che se attaccato a zampa di gallina non cadrà mai. Il resto serve solo a dare più pregio alla camicia, per il maggior numero di ore di lavorazione necessarie a produrla. …

… Nelle camicerie artigianali, invece, la manica si attacca, come per la giacca, solo “a fianco chiuso”, ossia dopo aver cucito il fianco. In queste realtà, inoltre, il taglio è effettuato ancora a mano, un tessuto alla volta, mentre nella grande distribuzione s’indulge all’utilizzo di macchinari che possono arrivare a tagliare i cosiddetti “materassi”, composti anche da cento o duecento pezze di stoffa alla volta. Non è finita qui: il collo e polsi possono essere termoadesivati o intelati a mano, richiedendo nel secondo caso circa quaranta minuti in più di lavoro; ad onor del vero, però, esistono colli intelati rigidi e scomodi così come colli adesivati morbidi e piacevoli. Un ultimo consiglio: quando portata chiusa, le vele (ali del colletto, ndr) non devono “volare”, una camicia fatta a regola d’arte, infatti, le avrà sempre ben appoggiate sui quarti anteriori. In definitiva, una camicia può essere fatta a macchina in circa dieci minuti o interamente a mano in più di due ore e mezza ed è ovvio che la scelta del consumatore ricadrà sul capo più adeguato ai suoi bisogni e al suo budget, ma è bene fare chiarezza in materia per sapere cosa si sta comprando e non lasciarsi raggirare dai fumi del marketing.

Prenota un appuntamento con il tuo Sarto di fiducia:
info@sartoriadimilano.it
+39 02 73 02 82 – Sartoria di Milano Acquadimare, via Sangallo 45, Milano (MI)